Booking.com
Giovedì, 07 Ottobre 2021 13:36

Oggi a 1FootballClub by IlSognoNelCuore abbiamo intervistato: Gianni Bezzi; David Di Michele.

Written by
Valuta questo articolo
(1 Voto)

Buon pomeriggio.
Oggi a 1FootballClub by IlSognoNelCuore abbiamo intervistato:
Gianni Bezzi;
David Di Michele.
Allego i comunicati, grazie.

BEZZI
A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Gianni Bezzi, giornalista e conduttore Rai. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione ilsognonelcuore.com.

Nazionale, Gianni Bezzi a “1 Football Club” su 1 Station Radio: “L’Europeo non è un punto d’arrivo, ma bisogna che i club lancino i giovani. Osimhen sposta gli equilibri, complimenti a Adl. Su Sarri…”

“Italia-Spagna? Vanno fatti i complimenti alla Nazionale di Mancini che ha conosciuto la sconfitta dopo 37 partite. Sono stati tre anni di totale rinascita. La Nazionale è uscita fuori da un periodo davvero buio come la gestione Ventura e l’esclusione dal Mondiale 2018. Ritornando alla gara di ieri, Insigne si è divorato un gol clamoroso che poteva rimetterci in partita, poi l’espulsione di Bonucci ha condizionato il match. Nel secondo tempo però ho visto una squadra con grande cuore. Il gol di Pellegrini in sostanza è di Chiesa. Federico è cresciuto in maniera esponenziale. Peccato perché si poteva andare in finale ma il percorso fino ad oggi è stato ugualmente straordinario. Poi per il futuro andranno trovati dei sostituti perché Chiellini ha 37 anni e in attacco ieri eravamo in totale emergenza viste le assenze di Immobile e Belotti. Noi ci aggrappiamo sempre ai giocatori che sono più collaudati oppure andiamo a prendere calciatori dall’estero, ieri invece ho visto che Enrique ha dato spazio al 18enne Pino: mi ha davvero impressionato! Luis Enrique è un allenatore che subisce anche molte critiche perché non considera calciatori molto importanti come Luis Alberto o Fabian Ruiz. Lui però porta avanti il suo progetto di una Spagna molto giovane. L’Italia è già giunto al suo massimo? Credo proprio di no, Mancini può portarci ancora molto lontano. Questa Nazionale è vincente”.
Bezzi ha poi proseguito parlando del numero 9 partenopeo: “Victor Osimhen? Sposta assolutamente gli equilibri. Lo ritengo un calciatore che ha faticato all’inizio, ma tutti i giocatori provenienti dall’estero hanno avuto difficoltà in Serie A nei primi tempi. Ad oggi Victor è un animale pazzesco lì davanti, è uno che può cambiarti la storia di una partita da un momento all’altro. I complimenti poi vanno anche a De Laurentiis che non ha speso un patrimonio negli anni ma ha costruito una grande squadra. Inoltre il presidente ha sempre avuto grandi eccellenze sulla panchina come Sarri, Ancelotti e ora Spalletti. Complimenti anche per l'acquisto di Anguissa. Hanno pescato questo centrocampista poco conosciuto che però ha grandissima prospettiva”.
Infine, un pensiero sulla sua Lazio: “Maurizio Sarri? Ricordo che sembrava fatta per la Roma, poi la famiglia Friedkin ha calato l’asso Mourinho. Quindi Maurizio si è avvinato alla Lazio, qui la gente era in grande trepidazione perché tutti lo volevano. Adesso però sorgono dei dubbi: Luis Alberto, Milinkovi-Savic, Lucas Leiva sono calciatori adatti a Sarri? Perché non sono Jorginho, Allan e Hamsik. Lui però ha detto una cosa importante: alla Lazio manca la mentalità vincente. Ha vinto il derby, ha vinto contro la Lokomotiv Mosca e poi ha perso 3-0 col Bologna”

 

DI MICHELE
A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto David Di Michele, ex calciatore, fra le tante, di Torino e Salernitana. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione ilsognonelcuore.com.

David Di Michele a “1 Football Club” su 1 Station Radio: “Napoli, occhio al Toro, contro la Juve meritava la vittoria. Rinnovo Insigne? Lui vuole restare, ma…”

 

“Credo che la Salernitana sia una squadra abbastanza ostica. L'ho vista in più occasioni, chi gioca contro la Salernitana fa fatica, non gioca a calcio. I granata però non riescono ad esporsi, quando si trovano in situazione di svantaggio non riescono a recuperare. Devono essere bravi a risalire nel più breve tempo possibile, ma sono fiducioso per una salvezza da giocarsi fino alla fine”.
Di Michele ha poi parlato di un’altra delle sue ex squadre: “Il Torino di Juric? Il Toro non è partito benissimo ma già contro la Juventus ha dimostrato di essere una squadra tosta. Come potrebbe mettere in difficoltà il Napoli? Gli azzurri giocano un gran calcio mentre il Torino è bravo a non far giocare gli altri: questa potrebbe essere la chiave della partita”.
Un pensiero su alcuni calciatori del Napoli: “Dries Mertens è uno di quelli che con Spalletti può fare la differenza. Luciano ha a sua disposizione un grandissimo parco attaccanti, quando ritornerà Mertens al 100% avrà grandi grattacapi. Anguissa? In Inghilterra ha fratto intravedere qualcosa. Poi ci vuole coraggio a portarlo in Italia e scommetterci, il Napoli l’ha fatto e sono stati molto bravi. Non è il primo talento che la SSC Napoli scova. Oggi siamo tutti increduli e dobbiamo tutti ricrederci su questo ragazzo dopo un primo scetticismo. Il dubbio probabilmente era sulla questione tattica, in Premier sono molti più fisici e trascurano la tattica. Anguissa invece è stato bravo a farsi spiegare tutto ed a calarsi immediatamente nella Serie A. Lorenzo Insigne? Il discorso è molto semplice: vorrebbe restare a Napoli e diventare la bandiera di questa squadra. Ad oggi non sta guardando al futuro, sta guardando al presente e questo gli fa grande onore. La società dovrebbe andargli incontro”.

 

 

 

Letto 71 volte