Martedì, 17 Maggio 2022 17:03

Oggi a 1FootballClub by IlSognoNelCuore abbiamo intervistato: Daniele Daino; Gigi Pavarese; Zé Maria.

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Oggi a 1FootballClub by IlSognoNelCuore abbiamo intervistato:
Daniele Daino;
Gigi Pavarese;
Zé Maria.

 

DANIELE DAINO
A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Daniele Daino, ex calciatore di Milan e Napoli. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione di calcioinpillole.com.

Sul percorso del Milan...........


“Il Milan sta meritando e merita la vittoria dello Scudetto, non tanto per quanto fatto quest’anno ma più che altro per la programmazione societaria. I rossoneri sono cresciuti costantemente, si sono arricchiti di giovani di grandissime prospettive come Tonali, Theo, Leao e Kalulu stesso. Questi ragazzi stanno dimostrando di poter vestire questa maglia degnamente. Pioli è ovviamente l’artefice di tutto ciò. Il suo inizio non è stato entusiasmante, infatti dopo il famoso 5-0 di Bergamo sembrava in bilico, poi è arrivato Ibra e ha cambiato tante cose: è stata la chiave di volta per la mentalità che il Milan ha riacquisito. Pioli ha giovato molto della presenza di Ibrahimovic, perchè lui è uno di quei giocatori che imprime nel gruppo quella personalità, quello spessore e quella voglia di vincere che mancavano ad una squadra cosi giovane.”
Sulle ultime prestazioni dei rossoneri
“Io direi che al Napoli è mancata la forza mentale per mantenere quella costanza di risultati. Mai come quest’anno c’era la possibilità di vincere il titolo, ma purtroppo hanno perso una grande opportunità di stare lì fino alla fine e di giocarsela. Come sta accadendo spesso a Napoli, questa squadra pecca sempre nei momenti chiave, a differenza del Milan, che invece riesce sempre a rialzarsi proprio in quelle situazioni. Il Napoli ha questa lacuna da sempre, e, tolto lo splendido campionato di Sarri, tutti gli allenatori hanno avuto delle difficoltà e gli stessi problemi. Qui toccherebbe fare un’analisi più profonda, per capire come mai questa squadra non riesce mai a risolvere questi suoi problemi.”
Sulla competitività in Italia
“Non si poteva pensare che la Juventus potesse essere, dopo 9 anni, ancora l’unica forza del campionato. Le milanesi prima o poi tornano sempre a competere, come sta succedendo adesso.”
Sulla mancanza di giocatori d’esperienza internazionale e la figura del Direttore Tecnico
“I calciatori abituati a giocare determinate partite sono più agevolati, perché sono più abituati a questi livelli. Io penso che l’ambiente sia fondamentale e il Napoli ne ha uno meraviglioso in termini di tifosi. Piuttosto il discorso è all’interno del Napoli. Manca qualcosa nei meandri della società, una figura che possa fungere da collante fra allenatore, squadra e club stesso. Io prendo come esempio il Milan, i rossoneri hanno Maldini che è un grandissimo collante, con il suo stile, la sua eleganza… la sua presenza è di grande conforto e serenità per i giocatori. In tanti club del nostro calcio manca questa figura, che è sempre più importante.
De Laurentiis non vuole questa figura?
“Il presidente ha grande personalità, e magari non è interessato a far crescere, in questo senso, il gruppo dirigenziale. Io penso che il calcio si sia evoluto anche in questo senso: ognuno deve avere dei ruoli ben precisi e specifici. Secondo me è diventata una figura fondamentale. In ogni caso Spalletti ha fatto un ottimo lavoro.”

 

GIGI PAVARESE
A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Gigi Pavarese, ex direttore sportivo del Napoli. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione di calcioinpillole.com.

Su De Laurentiis e la figura di un Direttore Tecnico
“Non è nell’intenzione del presidente assumere un ex calciatore che possa ricoprire questo ruolo e fare da collante fra squadra e società. Il Napoli ha uno dei team manager più apprezzati d’Italia, Beppe Santoro, e conosco la sua professionalità e le capacità di questo eterno ragazzo, e quindi il problema che dobbiamo porci è come mai, in momenti determinanti non riusciamo ad essere il Napoli ma ci sciogliamo come neve al sole. Io penso che in questi momenti ognuno di noi dovrebbe sapere come trovare le giuste motivazioni e la giusta adrenalina. Quest’anno abbiamo perso un’occasione più unica che rara. De Laurentiis dice che questo è stato un campionato cazzuto, io dico che questo è stato uno dei più scarsi fatti dal Napoli negli ultimi anni.”
Sulla lotta scudetto
“Io facevo una riflessione. Innanzitutto devo fare ammenda, perché io ritenevo il Milan inferiore a Napoli, Inter e Juventus. Ma i rossoneri perchè stanno vincendo il campionato? Hanno una società organizzatissima e ben strutturata, e vincono perché all’interno del gruppo ci sono giocatori di grande personalità, come Ibra e Giroud. Questo campionato lo stanno vincendo soprattutto grazie a giocatori come Leao, Theo Hernandez, Tonali e Maignan, giovani di grandissimo talento e prospettiva. Una società che lascia andare giocatori come Kessié e Donnarumma con serenità, riuscendo a sopperire a tali mancanze, vuol dire che è seria e che lavora bene.”
Sull’addio di Insigne
“Non me ne voglia Insigne, ma non sono d’accordo sulla festa. Bisognava far restare Insigne, così come bisogna far restare Mertens. Manca il senso d’appartenenza a questa squadra. Il Napoli ha la fortuna di aver avuto il migliore di tutti i tempi, Maradona, e questo dovrebbe generare senso di responsabilità e appartenenza. Sono cose che non si possono comprare, sono cose che si hanno dentro, sono dei privilegi. Io ho avuto l’onore di vivere Maradona, e solo il pensiero di salire su quel pullman con la sua faccia mi darebbe i brividi. Credo che i calciatori del Napoli non capiscano quanto sia importante la maglia che indossano”
Su Spalletti
“Io stimo molto Spalletti, e gli voglio un gran bene anche se non lo conosco. Non dimentichiamo che lui ha dato un’anima ed un senso a questa squadra, soprattutto dal punto di vista del gioco. Probabilmente è venuto meno qualcosa, magari anche in ottica infortuni, ed è su questo che lui dovrà ragionare in futuro. Non deve assumersi la responsabilità di altri. Se riconfermerei Spalletti? Si, senz’altro”.

 

ZÉ MARIA
A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Zé Maria, ex calciatore di Inter e Parma. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione di calcioinpillole.com.

Sulla lotta scudetto fra Inter e Milan
“Per rivivere un Perugia-Juve, con la Lazio campione, ci vorrebbe il temporale di quell’anno (ride). Mio figlio è interista sfegatato, sarei molto contento se succedesse, ma non so se sarebbe giusto calcisticamente parlando, perché il Milan sta facendo benissimo, mentre l’Inter se lo è fatto scappare in più occasioni. Io, da ex Inter, spero che i nerazzurri vincano lo Scudetto, ma non sarebbe giusto per il campionato che ha fatto il Milan.”
Sulla Juventus
“Io penso che quella della Juve sia la rosa più completa del campionato. Ma il discorso verte sulle scelte del mister che sono da valutare, perché dall’esterno è difficile giudicare come stanno le cose. Io penso che se sei la Juve non puoi pensare di essere contento della stagione fatta e di vincere spesso con un gol di scarto. Secondo me Allegri è riuscito a imprimere la mentalità della vittoria ad ogni costo nella mente dei giocatori e loro si sono, negli anni, adattati al suo pensiero.”
Sull’addio di Dybala
“Questa è un’altra situazione di cui non sappiamo la verità. Difficile capire il perché dopo sette anni debba lasciare la Juve a parametro zero e in questo modo. Io penso che lui sia l’unico campione che ha la Juventus e lasciarlo andare cosi non mi sembra saggio. Abbiamo visto un Dybala disperato ieri sera, dispiace vederlo cosi, ma d’altro canto andrà in una squadra che sicuramente lo accoglierà benissimo, visto che si parla di un suo approdo all’Inter.”
Su Insigne
“Secondo me ci perde sia lui, sia il calcio italiano. Lui è un grande giocatore, ed ha dimostrato grandissime qualità, ha dato sempre il massimo. Va in un campionato anonimo ma puramente per scelta economica. Questa è stata una scelta di vita, più che sportiva. Ovviamente a noi che amiamo il calcio dispiace, ma lui ha scelto per il suo futuro economico. Ciò che il Napoli perde è l’identità, perché Insigne rappresentava a pieno Napoli e la sua tifoseria. perdere questo legame è un qualcosa che sarà difficile ritrovare.”
Su Gaucci e Moratti, suoi ed presidenti
“Il calcio moderno perde di passione. Avere gente come Moratti e Gaucci, che davano tanto per le proprie società, è di verso da oggi, dove i presidenti sono quasi tutti business man, è cambiato tutto da questo punto di vista. Si è passati da un calcio passionale a un calcio industriale, e dobbiamo abituarci a questa cosa, sicuramente è un qualcosa di diverso rispetto a ciò a cui eravamo abituati.”

Letto 65 volte
« Giugno 2022 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
Kaffe Sport
Booking.com

Disclaimer

Alcune immagini presenti su questo sito sono attinte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione indirizzo e-mail, info@ilcuoreazzurro.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.
N. B. ilcuoreazzurro.it non è responsabile delle informazioni contenute in eventuali link che si riferiscano a collegamenti esterni.
La collaborazione viene accettata, ad insindacabile giudizio della direzione, a titolo completamente volontario e gratuito.

Mettiti in contatto

Indirizzo: Via G.Porzio, Isola G5 Centro Direzionale – 80143 Napoli

Tel: +39 338 3594920

Email: ainc1972@libero.it

Information

© CUORE AZZURRO All rights reserved P. IVA 08691361219 - Iscrizione al registro ROC n. 30299 - REA n. NA-978435 - Cookie Policy - Privacy Policy
Capo Redattore: Mario Passaretti
Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Napoli n. 91 del 05/12/2007
Direttore responsabile: Mario Passaretti
email redazionale: redazione@ilcuoreazzurro.it - - Cell. 3341387831