Squadra

Mario Passaretti

Mario Passaretti

Nella sua lunga intervista rilasciata ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, il patron azzurro Aurelio De Laurentiis ha avuto modo di dire la sua sulla delicata situazione legata a Gabbiadini: "Tutti stanno crocifiggendo ora Gabbiadini ma non ha colpe, ha avuto un gesto che non ha mai fatto (il rosso contro il Crotone, ndr), è stato fuori, questo non l'ha aiutato come carburante nella sua psicologia. Io credo che bisogna ancora dargli spazio, ma non mi permetto di dare suggerimenti a Sarri, ma con Gabbiadini forse vanno studiati diversi moduli, forse il tanto caro al nostro allenatore 4-3-1-2 che potrebbe giovare"
E' intervenuto ieri in diretta telefonica in Radio Gol, su Radio Kiss Kiss Napoli, ma da dove arrivava la telefonata? A rispondere è la Gazzetta dello Sport oggi in edicola, che rivela che Aurelio De Laurentiis è ad Ischia già da una settimana. "La sua assenza - si legge sulla rosa - è stata notata dallo staff tecnico e dai giocatori, sia a Torino sia a Istanbul. Ma pur avendo guardato entrambe le partite in tv, davanti a una buona pizza, ieri il presidente ha diffuso il proprio verbo attraverso i microfoni della radio ufficiale".
Venerdì, 28 Ottobre 2016 14:48

Juventus-Napoli, la partita delle partite

Quella di domani sera,che potrebbe sembrare una semplice sfida tra due big,invece risulta essere per entrambi i tifosi “la partita delle partite”. Juventus-Napoli o viceversa è il big-match capace di fermare il tempo . Nelle famiglie italiane l’uscita del sabato sera,almeno per domani è stata abolita E tutto ciò per una palla.Ma domani sera allo Juventus Stadium non sarà una semplice “palla” a focalizzare l’attenzione di milioni di persone. Persone animate da rivalità troppo spesso sfociate in episodi razziali e negativi,vedasi le continue invocazioni al Vesuvio da parte degli juventini e di contro i vari sfottò coniati dalla fantasia dei napoletani. Juve-Napoli è da sempre una battaglia campale di una guerra culturale che sfiora appena il terreno di gioco, una partita che a suon di slogan, epiteti e sfottò fa risuonare antiche ed irrisolte questioni sociali e politiche, da sud a nord e viceversa, andata e ritorno. La Giuve come la chiamava il grande Diego Maradona è sempre stata la più forte di tutte. La squadra per eccellenza,nata da una fusione filo-aristocratica che nel corso degli anni l’ha portata ad essere la squadra dei campioni.Difatti per tutti i calciatori era un sogno giocare in quella squadra bianconera Negli anni 70-80, Zoff, grande portiere azzurro, venne ceduto proprio ai bianconeri, e, dopo di lui il bomber Josè Altafini lasciò Fuorigrotta per il freddo Piemonte e fu per tutti soprannominato“Core ‘ngrato” .La storia continua con Ferrara prima e Cannavaro poi fino ad arrivare ad oggi con la cessione tanto contestata del Pipita Higuain.Un suo fuggire dalla città che tanto lo aveva osannato rendendosi protagonista di una stagione magnifica,culminata con il titolo di capocannoniere con record di gol(ben 36),cosa mai verificatasi nella storia del calcio italiano. La gente non gli ha perdonato le sue esultanze sotto la curva e i baci alla maglia per poi vedere il suo campione fuggire via nell’anonimato. Menomale che negli anni di sua maestà DIEGO ARMANDO MARADONA,la squadra ha fatto gioire la sua città regalandogli trofei e scudetti e schiacciando la supremazia bianconera. Tante le cause ma una sola la motivazione…la fede calcistica! Una fede che domani sera dovrà trionfare sulle rivalità del passato,quest’ultime riaccese dall’ultimo sgarbo della poco elegante SIGNORA! Ed in tema di Halloween ci starebbe proprio bene uno scherzetto alla Juve
"Il Napoli dei Puffi". Così l'edizione odierna della Gazzetta dello Sport definisce la squadra azzurra, priva di punte centrali, che ieri sera ha battuto l'Empoli. Una "prova generale" secondo la rosea che dice: "il Napoli dei Puffi può far male alla Juve". La Gazzetta scrive: "Questa banda di piccoletti messa assieme da Sarri promette di esaltarsi negli spazi che la capolista potrà concedere. Ventiquattro conclusioni in 45’ sono un record. E alla fine saranno 35: altro record".
Falso nove, ma non solo per esigenza. Già, Dries Mertens è diventato l'attaccante del Napoli dopo l'infortunio di Milik, ma in realtà c'è un preciso disegno di Sarri dietro questa idea. Già in estate, quando gli attaccanti mancavano (come adesso), Sarri aveva provato Mertens in quel ruolo. A sottolinearlo è anche l'edizione odierna del Corriere dello Sport: "Idea lambita da Sarri sin dall’estate, il sogno di realizzare qualcosa di strettamente personale andando a lavorare sul talento:c'è stato un momento (e non c’entra l’infortunio di Milik, né la squalifica di Gabbiadini), in cui Mertens è divenuto “il centravanti”, desiderio sfrenato d’un allenatore che ama fare anche da sè, plasmando gli uomini e la squadra secondo un calcio che avverte dentro".
La via del gol smarrita da tempo (il 10 aprile l'ultimo sigillo), il rigore sbagliato contro il Besiktas, il boato di fischi del San Paolo e un rinnovo in fase di stallo. Lorenzo Insigne è sempre più lontano dal Napoli. De Laurentiis avrebbe detto no alla richiesta dei suoi agenti di un ingaggio da 5 milioni l'anno e avrebbe fissato il prezzo del suo cartellino: 50 milioni. In Premier Liverpool e Tottenham sono pronti all'assalto. E' probabilmente il momento più difficile dell'avventura di Insigne al Napoli. Il gol che non arriva, le prestazioni deludenti e ora anche i fischi del San Paolo. Le lacrime del giocatore confermano uno stato d'animo davvero nero. E non sono solo i problemi in campo, ovvero le sempre più convincenti prestazioni di Mertens, a tormentare Lorenzo Il Magnifico. Il rinnovo del contratto in scadenza nel 2019 è in fase di stallo, dopo che AdL (come riporta calciomercato.it) ha detto no alla richiesta di oltre 5 milioni di euro all'anno. Ma non solo. Il patron del Napoli si sarebbe convinto a cedere il giocatore e avrebbe fissato il prezzo: 50 milioni di euro. Una bella somma, che però non spaventa le big di Premier. Come riporta Talk Sports, Liverpool e Tottenham, alla ricerca di altre soluzione in attacco, sarebbero pronte a sedersi a un tavolo per discutere. Fonte articolo e foto:Sportmediaset
Giovedì, 20 Ottobre 2016 14:58

Napoli-Empoli,biglietti in vendita

I tagliandi per la decima giornata di Serie A Sono in vendita i biglietti per Napoli-Empoli, turno infrasettimanale della decima giornata di Serie A in programma mercoledì 26 ottobre alle ore 20.45 al San Paolo. I tagliandi possono essere acquistati nelle abituali ricevitorie autorizzate. Questi i prezzi: SETTORE Prezzo Tribuna Posillipo Euro 65 Tribuna Nisida Euro 45 Distinti Euro 35 Tribuna Family Euro 10 Curve Euro 25 Ridotto Tribuna Family: Euro 5 La SSC Napoli ricorda che per i possessori di tessera del tifoso Club Azzurro Card e di Fidelity Card, è possibile acquistare anche on line. Per effettuare l’acquisto è sufficiente collegarsi al sito di Listicket qui. Gli utenti saranno indirizzati al sito Listicket di Lottomatica, nel quale, dopo essersi registrati, potranno acquistare il biglietto caricandolo elettronicamente sulla Club Azzurro Card ( Tessera del Tifoso) e/o Fan- Away(Fidelity Card). Alla transazione potranno essere aggiunte, da Listicket, commissioni di pagamento. Questa modalità di vendita prevede che il titolo di accesso venga associato alla Club Azzurro Card e/o Fan-Away, che, quindi, dovrà essere utilizzata sia per inserire il numero identificativo al momento dell’acquisto, sia per l’accesso ai tornelli dello stadio tramite la lettura del codice a barre. Il posto assegnato allo stadio sarà indicato sul documento segnaposto la cui stampa, è disponibile all’indirizzo internet: https://biglietteria.listicket.com/utilizzatori/indexdigitali.php inserendo le informazioni richieste sulla pagina e procedendo, nella pagina successiva, attraverso il link Stampa Segnaposto. Il documento segnaposto deve essere obbligatoriamente stampato e presentato ad ogni richiesta del personale di controllo presente allo stadio, ma il documento segnaposto, da solo, non rappresenta titolo d’accesso valido per l’ingresso. Infatti per accedere allo stadio, è indispensabile portare con sé la propria Club Azzurro Card , il documento segnaposto ed un documento di riconoscimento. La SSC Napoli ricorda che per gli utilizzatori della Club Azzurro Card ( sia abbonati, che utenti di singolo evento), per ogni settore vi sono degli ingressi riservati.
Giovedì, 20 Ottobre 2016 14:34

Crotone-Napoli,ecco i componenti arbitrali

CROTONE – NAPOLI MAZZOLENI DI LIBERATORE – SCHENONE IV: PAGANESSI ADD1: BANTI ADD2: CHIFFI
Giovedì, 20 Ottobre 2016 10:11

Perdere fa male

Perdere fa male e farlo in casa lo è ancora di più.Il pubblico,a dir il vero,poco e malcontento per una partita di Champions,complici anche i risultati negativi di campionato,ha dovuto vedere soccombere i propri beniamini nel tempio di Fuorigrotta con un pesante 2-3 contro i turchi del Besiktas.Una partita davvero strana in cui la squadra sembrava essere sotto esame.E di sicuro questo esame non lo ha superato!I giocatori avevano l’opportunità di entrare nella storia di questa competizione,riuscendo ad essere,grazie alla propria vittoria ed al pareggio delle altre due,a garantirsi il passaggio già alla terza giornata.Cosa mai successa fin’ora.Ed invece di essere cinica,questa squadra ha deciso ieri di suicidarsi,calcisticamente parlando,riaprendo tutti i giochi per la qualificazione ed anzi complicando la situazione.Perchè,scherzo del destino,la prossima giornata vede il Napoli andare in terra turca,mentre le altre due,Benfica e Dinamo si sfideranno in casa dei lusitani in un match dal risultato quasi scritto.La sconfitta ci può stare ma a parte gli episodi negativi,vedasi rigore sbagliato e gol annullato,ma ciò che brucia è il modo come è arrivata.Molti giocatori apparsi senza mordente,troppi errori individuali,Jorginho e Reina su tutti e la pesante contestazione nei confronti di Insigne,non tanto per il rigore sbagliato ma per un atteggiamento in campo per niente dignitoso.Le sue richieste di aumento ingaggio non vanno di pari passo con le prestazioni calcistiche e di sicuro la gente non gli perdona questo.Ovviamente al termine della gara sono usciti fuori tutti i mugugni giustificati delle persone,che avevano seguito la squadra con un ennesimo sacrificio economico e di certo si aspettava una risposta grintosa.Tutto ciò non è avvenuto e come logica conseguenza si abbattuto sulla squadra,sul tecnico e sulla dirigenza il ciclone “critiche”.
L'edizione odierna de La Gazzetta dello Sport dedica parte della sua prima pagina alla sfida di questa sera tra Napoli e Besiktas, che potrebbe regalare agli azzurri una storica qualificazione: "Vai Napoli, se vinci puoi andare agli ottavi!".
« Agosto 2022 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
Booking.com
Kaffe Sport

Disclaimer

Alcune immagini presenti su questo sito sono attinte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione indirizzo e-mail, info@ilcuoreazzurro.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.
N. B. ilcuoreazzurro.it non è responsabile delle informazioni contenute in eventuali link che si riferiscano a collegamenti esterni.
La collaborazione viene accettata, ad insindacabile giudizio della direzione, a titolo completamente volontario e gratuito.

Mettiti in contatto

Indirizzo: Via G.Porzio, Isola G5 Centro Direzionale – 80143 Napoli

Tel: +39 338 3594920

Email: ainc1972@libero.it

Information

© CUORE AZZURRO All rights reserved P. IVA 08691361219 - Iscrizione al registro ROC n. 30299 - REA n. NA-978435 - Cookie Policy - Privacy Policy
Capo Redattore: Mario Passaretti
Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Napoli n. 91 del 05/12/2007
Direttore responsabile: Mario Passaretti
email redazionale: redazione@ilcuoreazzurro.it - - Cell. 3341387831